Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Padova

Via della Croce Rossa 112, 35129 Padova - tel. 049 8762710 - fax 049 8762712 - segreteria@perindpadova.it - collegiodipadova@pec.cnpi.it

Notizie

ATTIVAZIONE PEC -CONVENZIONE FIRMA DIGITALE CSN

26/03/2015 Gentile iscritto,

la informo che, accedendo alla sua area riservata di Albo Unico, potrà richiedere l'attivazione di una casella di posta elettronica certificata (PEC). Legga queste brevi note informative per conoscere il perché della necessità di disporre di una PEC e le modalità di richiesta.



Cos'è la Pec?

La PEC, posta elettronica certificata, rappresenta l'innovazione nell'ambito della comunicazione tra persone, imprese, pubbliche amministrazioni e professionisti. La PEC, o più comunemente detta posta certificata, è un sistema di trasmissione sicuro e regolamentato dalla legge, per inviare documenti e messaggi di posta elettronica con valore legale. Viene istituita come versione digitale della raccomandata con ricevuta di ritorno e punta a rendere più agili, immediati ed economici, tutti gli scambi di informazioni tra i soggetti interessati, sfruttando le potenzialità del digitale.

Perché richiederla?

L'articolo 16, comma 7, del decreto legge 29 novembre 2008, n.185 (convertito con modificazioni dalla legge 28 gennaio 2009, n.2) ha introdotto l'obbligo da parte dei professionisti di creare un indirizzo di PEC proprio e di comunicarlo all'Ordine o Collegio di appartenenza.

Leggi il testo dell'articolo:

7. I professionisti iscritti in albi ed elenchi istituiti con legge dello Stato comunicano ai rispettivi ordini o collegi il proprio indirizzo di posta elettronica certificata o analogo indirizzo di posta elettronica di cui al comma 6 entro un anno dalla data di entrata in vigore del presente decreto. Gli ordini e i collegi pubblicano in un elenco riservato, consultabile in via telematica esclusivamente dalle pubbliche amministrazioni, i dati identificativi degli iscritti con il relativo indirizzo di posta elettronica certificata.

Come richiederla?

Richiedere l'attivazione di una casella di posta elettronica certificata è semplicissimo. Non deve far altro che accedere alla sua area riservata di Albo Unico (www.albounicoperind.it/).

Qualora non si fosse ancora registrato dovrà prima cliccare sul tasto "Registrati" e seguire le istruzioni indicate.

Una volta all'interno della propria area riservata, dovrà cliccare sul tasto "Richiedi PEC/CNS" e scegliere la richiesta PEC: a quel punto integrerà l'apposito form precompilato con l'indicazione dei dati relativi ad un documento d'identità in corso di validità. Una volta fatto questo passaggio, il form sarà inviato telematicamente direttamente ad Aruba che terminerà il processo creando la casella di posta elettronica certificata e le invierà le credenziali di accesso.

Per attivare la casella di posta elettronica certificata, dovrà accedere nuovamente alla sua area riservata di Albo Unico ed apporre - in corrispondenza dell'apposito campo - un flag: in tal modo dichiarerà che quella determinata casella di posta elettronica certificata è utilizzata per le comunicazioni nei confronti della Pubblica Amministrazione.

Al termine di quest'ultimo processo, i dati relativi alla PEC saranno registrati in un file che sarà trasmesso ai due registri nazionali PEC (INI PEC e Reginde) per dare pubblicità della stessa.


Cos'è la CNS?

La Carta Nazionale dei Servizi o CNS è un dispositivo (ovvero una Smart Card o una chiavetta USB) che contiene un "certificato digitale" di autenticazione personale. È uno strumento informatico che consente l'identificazione certa dell'utente in rete e permette di consultare, ad esempio, i dati personali resi disponibili dalle pubbliche amministrazioni, così come contiene i dati relativi all'iscrizione all'Albo professionale.
Il certificato digitale, contenuto all'interno della CNS, è l'equivalente elettronico di un documento d'identità (come il passaporto o la carta d'identità) e identifica in maniera digitale una persona fisica o un'entità.
Viene emesso da un'apposita Autorità di certificazione (Certification Authority - CA) riconosciuta secondo standard internazionali, la quale garantisce la validità delle informazioni riportate nel certificato.
Come i documenti cartacei, anche il certificato digitale ha una validità temporale al di fuori della quale risulterà scaduto.
La firma digitale è l'equivalente informatico di una firma autografa apposta su carta ed ha il suo stesso valore legale. La sua funzione è quella di garantire autenticità, integrità e validità di un documento: tramite l'apposizione della firma digitale, infatti, è possibile sottoscriverne il contenuto, assicurarne la provenienza e garantire l'inalterabilità delle informazioni in esso contenute.

Come richiederla?

Richiedere il kit della firma digitale con CNS è semplicissimo. Il professionista non deve far altro che accedere alla sua area riservata di Albo Unico (www.albounicoperind.it/).
Qualora non si fosse ancora registrato dovrà prima cliccare sul tasto "Registrati" e seguire le istruzioni indicate.
Una volta all'interno della propria area riservata, il professionista dovrà cliccare sul tasto "Richiedi CNS": a quel punto sarà re-indirizzato direttamente sul sito di Aruba dove, dopo aver digitato il codice convenzione, terminerà la richiesta della CNS ed il pagamento del kit.
Il kit, già attivato, sarà spedito direttamente da Aruba al Collegio di appartenenza dell'iscritto che non dovrà far altro che ritirarlo firmando la ricevuta di consegna.

Il costo

Il kit della firma digitale con CNS (sim card e lettore AK, oltre certificati) costa 39,50 euro ai quali occorre aggiungere ulteriori 5 euro per la consegna al Collegio.
I prezzi su indicati sono IVA esclusa.


Cordiali saluti

[0] Vai al contenuto

amministrazione trasparente

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere al tuo indirizzo di posta elettronica le notizie dal Collegio

© 2006-18 Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della provincia di Padova - codice fiscale 80010180281
Marchi e immagini appartengono ai legittimi proprietari. Autore della foto di Santa Giustina: MF Danesin
Privacy e cookie | Dichiarazione di accessibilità | Realizzazione: Mirodata